Zoom
Cerca
Marco Michelini | 8 ottobre 2010

È pur questo il momento
in cui l’aver vissuto e più
il vivere ancora pesan
su l’animo, o dolce amico
che d’incenso asperso ten vai
pian piano al nulla eterno.
Sempre la solitudine
mi è compagna fedele.
Ed anche adesso son solo:
solo tra questa gente
che s’accalca entro le mura
antiche del tempio di Dio.
Non è triste morire,
fanciullo dall’età bruciata:
più triste è vivere senza
una rupe cui appoggiarsi.

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.