Zoom
Cerca
Marco Michelini | 28 gennaio 2011

Ea res est Helvetiis per indicium enuntiata. Moribus suis Orgetoricem ex vinculis causam dicere coegerunt; damnatum poenam sequi oportebat, ut igni cremaretur. Die constituta causae dictionis Orgetorix ad iudicium omnem suam familiam, ad hominum milia decem, undique coegit, et omnes clientes obaeratosque suos, quorum magnum numerum habebat, eodem conduxit; per eos ne causam diceret se eripuit. Cum civitas ob eam rem incitata armis ius suum exequi conaretur multitudinemque hominum ex agris magistratus cogerent, Orgetorix mortuus est; neque abest suspicio, ut Helvetii arbitrantur, quin ipse sibi mortem consciverit.

 

 

L’accordo venne svelato agli Elvezi da una delazione. Secondo una loro usanza, Orgetorige fu costretto a discolparsi in catene; se lo avessero condannato, la pena che lo aspettava era il rogo. Nel giorno fissato per il processo, Orgetorige fece venire sul posto da ogni parte, tutti i suoi familiari ed i servi, circa diecimila persone, nonché tutti i suoi clienti e debitori, che erano in gran numero; grazie al loro appoggio riuscì a sottrarsi alla necessità di difendersi. Mentre il popolo, adirato per l’accaduto, cercava di far valere il proprio diritto con le armi, ed i magistrati radunavano dalle campagne un grande moltitudine di uomini, Orgetorige morì; e non mancò il sospetto, secondo gli Elvezi, che si fosse suicidato.

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.