Zoom
Cerca
Marco Michelini | 17 maggio 2017

Il 31 dicembre 1962 (durante il governo Fanfani) nasce la Scuola Media Unificata (fortemente voluta dall’allora ministro Luigi Gui) che trova i suoi presupposti in alcuni articoli inattuati della Costituzione: nello specifico l’articolo 34 che sancisce l’istruzione obbligatoria dei giovani per almeno otto anni e con carattere gratuito, per cui di fatto si eleva la fascia dell’obbligo fino all’età di 14 anni. Non è adatto a questa sede – né certo mio compito – analizzare se il legislatore abbia “toppato” nei suoi intenti o se la legge nella sua sostanza sia stata disattesa. Quello che mi preme ricordare è che la nascita della nuova Scuola Media porterà alla graduale e definitiva scomparsa (1977) dell’obbligatorietà dello studio del latino come materia della scuola superiore primaria. Il motivo, purtroppo, non è dovuto a scelte educative, ma a “contenziosi” politici: la DC era per mantenerlo, il PSI (e in particolare Pietro Nenni) era per l’abolizione; il braccio di ferro si concluse con una soluzione di compromesso che in realtà scontentava e danneggerà tutti: latino obbligatorio in seconda media e facoltativo in terza, per chi avesse avuto intenzione di iscriversi poi al liceo classico (una assurdità: visto che il latino c’era anche al liceo scientifico!).

Ma venendo ai giorni d’oggi, ciò che va con tristezza constatato è che molti insegnanti di lettere della Scuola Media, non avendo più la necessità di confrontarsi appunto con il latino, trascurano (o addirittura tralasciano) l’insegnamento dell’analisi logica. Questo comporta che molti dei ragazzi che intraprendono il liceo (classico, scientifico, ecc.) si trovano naturalmente in grosse difficoltà nel loro primo impatto con la lingua latina. Senza contare che gli insegnanti di lettere delle superiori sono costretti a “forzare i tempi” dei loro programmi per “tappare quei buchi” lasciati aperti dai loro colleghi.

Per aiutare questi ragazzi che – all’inizio del loro nuovo percorso scolastico – “zoppicano” in latino, ho pensato dunque di scrivere un breve manualetto (a miei tempi si sarebbe detto un “Bignami”) che raccolga in modo semplice e conciso le NOZIONI FONDAMENTALI DELL’ANALISI LOGICA.

Il file in formato pdf è liberamente scaricabile da qui.

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.