Zoom
Cerca
Marco Michelini | 25 maggio 2014

Un poco più giovane di Dante e di Dino Compagni, figlio di Villano di Stoldo di Bellincione, Giovanni Villani nacque a Firenze intorno al 1276 da una famiglia mercantile, ed esercitò l’attività di mercante e di banchiere. In qualità di socio dei Peruzzi, assolse per conto della banca importanti incarichi di rappresentanza a Roma ed a Bruges acquisendo un’esperienza dell’ambiente mercantile e finanziario che si rivelerà assai utile nella stesura della sua Cronica. Terminato il sodalizio con i Peruzzi (tra il 1308 e il 1310) Villani avviò la collaborazione con la società dei Buonaccorsi e, ritornato definitivamente a Firenze, partecipò attivamente alla vita pubblica…

ACCEDI AL TESTO COMPLETO

Aggiunto anche all’articolo “Appunti di Letteratura Italiana: Il Trecento“.

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.