Zoom
Cerca
Marco Michelini | 25 ottobre 2010

Pari ad un dio mi sembra quei ch’è assiso
così vicino a te, che il tuo parlare
ode più dolce, e l’amoroso riso
può contemplare.

 

Con più furia mi balza il cor nel petto
e si perde la voce, s’io ti guato,
sulla mia lingua: nella bocca stretto
vien meno il fiato.

 

Di vena in vena corre un sottil fuoco,
e un fragore le orecchie già m’ingombra:
scende sugli occhi un velo a poco a poco,
che il guardo adombra.

 

E in sudor freddo e in brividi mi struggo,
sbianca qual erba vizza il mio sembiante:
la morte a me, che fuor di mente fuggo,
non par distante.

TESTO GRECO

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.