Zoom
Cerca
Marco Michelini | 12 giugno 2014

Il compagni e il Villani non sono tuttavia fenomeni isolati, poiché il Trecento raccoglie numerosissimi scrittori di cronache, sia in Toscana che nel resto d’Italia. E non vi è da farsene meraviglia, poiché il periodo denso di trasformazioni complesse, di lotte intestine e di guerre favoriva questo genere di scritti tanto che, come è stato detto, quasi ogni città ebbe un suo cronista. Si tratta, per lo più, di opere di scarso valore letterario. Tuttavia, tra di esse, spicca una cronaca d’argomento quasi esclusivamente romano. che racconta degli avvenimenti accaduti nella città eterna tra il 1325 e il 1357, e della quale la parte più nota è la Vita di Cola di Rienzo.

ACCEDI AL TESTO COMPLETO

Aggiunto anche all’articolo Appunti di Letteratura Italiana: Il Trecento“.

Lascia un commento. Se vuoi che appaia il tuo avatar, devi registrarti su Gravatar

Devi essere collegato per lasciare un commento.